Luglio 2003

Venerdì 18 Luglio Ore:21.40 Umore:un pochino meglio
Listening to:system of a down “legend of zelda”

A volte crediamo di non aver nessun dubbio sulla veridicità dei nostri pensieri. A volte siamo convinti che ciò che stiamo pensando è ciò che effettivamente vogliamo.
A volte, purtroppo, ci accorgiamo che è solo un’illusione.
Più volte ho detto “ho capito ciò che voglio” negli ultimi giorni.. fino ad ora è stato solo il riflesso di un fuoco d’artificio allo specchio.
Ora no.
Forse è solo perchè so di avere il tempo materiale per concretizzare i miei pensieri.
And I know what it’s like/ To lose someone you love/ And this felt just the same
Ricominciamo da qui.. settembre è lontano.
Non cambierà nulla, forse, rispetto a qualche mese fa.
Stavolta sono io che prendo la mia decisione.
Stavolta ne sono convinta.

Edit: una cosina che ho fatto stasera.. è per una persona speciale, per ringraziarla di tutto..


base from yumestudio
..io lo sapevo che era stato il destino a farci conoscere..

“I ricordi del mio passato non hanno un contorno preciso, sono sfumati, quasi che la mia vita sia stata solo una successione di illusioni, di immagini fugaci, di episodi che non riesco a spiegarmi o che mi spiego solo in parte.”
Isabel Allende -Il mio paese inventato-

Mercoledì 16 Luglio Ore:00.20 Umore:crying stupid tears
Listening to: -nulla-

Ho capito che non basta indossare l’abito più carino, farcito da una corazza di consapevolezza e di fiducia.
Filo di trucco sugli occhi e capelli acconciati, forza e coraggio e molta autostima.
Non basta, forse, esserne convinti.
Una bellissima anima che sento vicina mia aveva avvisato, piccolo demone.. io ho letto, annuito, confermato.. ma poi ho voluto vivere anima e corpo, provare sulla mia pelle.
E ora la ferita brucia.
Il taglio non è profondo, è più l’amor proprio che ne risente.
Guarirà altrettanto in fretta, confermando la ciclicità dei giorni passati.
Ma non sarà più.
Volpe furba ed astuta, il piccolo principe ritorna sul suo pianeta, ritorna dalla sua rosa.
Non è bastato ripetere alla piccola yaya che era solo un’illusione che stava creando la sua mente malata.. lei non ne era consapevole.. signori giurati come poteva pensare di non poterne più uscire, quando non sapeva di esserci dentro?
Ho sbagliato di nuovo, ricomincerò da capo.. in fondo, le botte sui denti, ogni volta, fanno crescere.
Pingo piano, in silenzio, per non farmi sentire.
Taccio.
Stufa di stare attenta a ciò che scrivo. Ma ormai, come droga, devo dare libero sfogo ai miei pensieri…
Mi appello alla clemenza della corte.

“Viviamo non solo in un mondo di pensieri, ma anche in un mondo di cose. Le parole, se non sono confortate dall’esperienza, non hanno significato.”
Nabokov -Lolita-

Lunedì 14 Luglio Ore:14.00 Umore:buono
Listening to: System of a down “aerials”

Finalmente è cominciata la MIA estate.. ancora un piccolo sforzo prima del riposo vero e proprio, ma i primi raggi di sole che colorano la mia pelle e la prima giornata passata a crogiolarmi sotto al sole cocente.
Sabato notte ho, in un certo qual modo, perso la verginità: per la prima volta sulle strade di Bologna con la MIA macchina, strade su cui vige una strana anarchia.
In mezzo ai boschi, a contatto con una nuova natura, alcolici e voglia di stare insieme.. ritrovo un’amica, pccola donna speciale con cui ho condiviso parte della mia vita. E’ bello ritrovarla ancora accanto a me, con la voglia e la necessità di parlare, raccontarsi, sfogarsi.. è bello rivederla finalmente felice, dolce sorriso sulle sue labbra.

…Sicuramente,, oltre ad essere un fiore orgoglioso, era anche triste per la partenza del suo amico… Ma quel “ti voglio bene” restera’ nel cuore del Piccolo Principe per sempre… Torno domani, ci sarai? ci saluteremo? quando ci rivedremo? ..mi mancherai..

“Troppo cerebrale per capire che si può star bene senza complicare il pane/ ci si spalma sopra un bel giretto di parole vuote ma doppiate/ Mangiati le bolle di sapone intorno al mondo e quando dormo taglia bene l’aquilone,/ togli la ragione e lasciami sognare, lasciami sognare in pace”
Giudizi universali – Samuele bersani

Martedì 8 Luglio Ore:19.10 Umore:misto
Listening to: System of a down “toxicity”

I giorni continuano a trascinarsi lenti ed afosi.
Non ho la testa per stare sui libri.
Sarà il caldo.
Sarà la voglia di mare.
Sarà che…
Che cosa vuol dire addomesticare?” “E’ una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami”
Sento Londra molto più vicina, ora che c’è stato il rischio di vagare per le sue strade, tra poche ore…
Rimandato a data da destinarsi.
Presto.
” Comincio a capire”, disse il piccolo principe. ” C’è un fiore. Credo che mi abbia addomesticato”
So che per te non ha importanza.. so che ciò che c’è per ora è quanto di più bello ci sarà mai. So che sono contorta.
So che i miei post criptici li potresti capire solo tu.
E ora non ci sei.
Abbiamo creato un legame?
E quando l’ora della partenza fu vicina: “Ah!” disse la volpe, “Piangerò”. ” La colpa è tua”, disse il piccolo principe, “Io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi”
Torna presto, tornerò presto…

” Addio”, disse. “Addio”, disse la volpe. “Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. ” L’essenziale è invisibile agli occhi”, ripeté il piccolo principe, per ricordarselo. ” E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”. “E’ il tempo che ho perduto per la mia rosa” sussurrò il piccolo principe per ricordarselo. ” Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa” ” Io sono responsabile della mia rosa.” Ripetè il piccolo principe per ricordarselo.
“il piccolo principe” Antoine de Saint-Exupery

Sabato 5 Luglio Ore:12.40 Umore:abbastanza buono
Listening to: Jeff Buckley “despite the tears”

Uscire, giocare, prendersi in giro, guardarsi, cantare, urlare.
Litigare e riappacificarsi, ogni volta, in una ciclicità che spaventa.
Capacità di comprendersi al volo, capacità di sentirsi, telepatia, sentirti sempre più parte di un disegno più grande, e forse per l’ultima volta, almeno per molto tempo.
Analisi del sangue dopo una serata meravigliosa, speriamo non ci siano valori falsati dal (poco) alcol, e la cosa più bella è stato il ritorno, in macchina, sola, radio a tutto volume, per strade nuove e sconosciute. E meraviglioso è stato, ancora una volta, rendermi conto di quanto siano meravigliose le persone che mi circondano.

E dopo Rei è arrivata Lilith, un piccolo demone femmina con piccoli occhi spiritati che ha già portato tanta magia in casa.. ce n’era bisogno..

“This is our last embrace,/ must I dream and always see your face/ Why can’t we overcome this wall/ Baby, maybe it is just because I didn’t know you at all.”
Jeff Buckley “last goodbye”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...