E vola vola si sa..

Finalmente l’aereo supera le nuvole dopo due ore di ritardo in aereoporto con noi stese sul pavimento del gate con un rifornimento extra di riviste da spiaggia giocando a fare le foto col mac.
E la mattina, in spiaggia, mi basta mettere i piedi a mollo per capire quanto mi sia mancato il mare. Sono cresciuta qui. Non importa dove andrò, cosa farò, le mie radici saranno sempre qui.
Due giorni di delirio. Di lettini al sole. Di creme solari. Di canzoni stupide. Di gelati al caffè. Di nuotate. Di sole e caldo. Di birra e vodka al sottomarino, mentre la musica si fa rock. Di piadina pomodoro e mozzarella. Di balli sulla sabbia. Di chiacchiere sulla riva, mentre la notte è nera sopra di noi. Di come sia diverso l’approccio sentimentale tra italiani e francesi. Di date limite che ci siamo poste. Perché dobbiamo darci degli obiettivi e mirare a quelli. Perchè ci vuole tempo per farsi male. MA farci male ci rende più liberi. La mia data limite era fissata per ottobre. Credo che non ci sia più bisogno di aspettare.
E vola vola si sa. Sempre più in alto si va..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...